London is Open with Alberto Gianfreda and Alex Urso

  • 01 nov 2018 - 03 nov 2018

Festeggiate con noi la conclusione della Art Residency London is Open 2018 e i lavori di Alberto Gianfreda and Alex Urso.

Gli artisti presenteranno le opere ispirate al tema London is Open e realizzate durante il loro mese a Londra.  

Il titolo della residency richiama la campagna lanciata dal Sindaco Sadiq Khan ed è particolarmente attuale ora che il Regno Unito è alle fasi finali del negoziato con l’Unione Europea prima del Brexit.

1 Novembre, 6pm-9pm alla Estorick Collection of Modern Italian Art, 39A Canonbury Square, N1 2AN. Ingresso con biglietto del museo.
Performance della cantante Brioni, offerta da Your Music Experience - YMX.

3 Novembre 5pm-9pm in un appartamento a Chelsea, su invito.
Saranno offerti un menu siciliano dello chef Andrea Racalbuto e vini italiani.
Performance della cantante Alice Pisano, offerta da Your Music Experience - YMX.

Alex Urso è un artista che vive e lavora a Varsavia, Polonia.  Durante la sua residenza ha lavorato a due progetti.
Nel primo lavoro ha creato un drappo che fonde la bandiera rappresentante i 32 quartieri della Greater London, con quella della Nazionale dei Rifugiati. Nella seconda parte della residency ha dato vita ad un’azione performativa che ha coinvolto i cittadini di Londra. Ha bussato alle porte dei londinesi proponendo uno scambio tra i loro vecchi zerbini con altri nuovi, riportanti la semplice scritta “Welcome”. Accettando lo scambio ogni persona abbracciava l’idea di Londra città aperta ed ospitale. Il risultato finale sarà un mosaico di zerbini, rappresentazione della volontà dei londinesi di essere o non essere aperti.

Alberto Gianfreda è scultore e docente di Tecniche per la scultura all’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano. Durante la sua residenza ha sviluppato il tema del frammento e della sua ricostruzione. Nel corso del  suo viaggio alla scoperta di Londra ha raccolto un gruppo di vasi provenienti da quartieri diversi e di diverse fatture.
I vasi sono stati ridotti in frammenti e ricomposti mescolandoli per generare un elemento nuovo e unico, metafora dell’integrazione tra diversità. Il progetto si completa attraverso la riproduzione sonora del rumore prodotto dai frammenti dei vasi mossi contemporaneamente. Il loro suono drammatico fa immergere in una sonorità che unifica le differenze e anticipa la presenza fisica degli oggetti.     

RSVP  rsvp@artapartments.co.uk